Polizia locale a Roma: più interventi rispetto al 2018, i dati del Sulpl

Nel 2018 la Polizia Locale aveva gestito 406596 interventi. Nel 2019 questa quota è aumentata fino a 424607 con un aumento quindi di circa 20000 interventi. Ricordiamo che ogni intervento può risolversi in pochi minuti, oppure durare per ore o giornate intere. Fatta questa precisazione evidenziamo come siano circa 54 interventi più al giorno. Se aumento c’è stato è sicuramente imputabile all’incremento delle assunzioni. Ciò non basta per vedere un significativo aumento degli interventi per due semplici motivi. Il primo è che queste assunzioni hanno solamente in parte restituito al Corpo il personale che negli anni precedenti era sceso fino a circa 5500 unità disponibili. Il secondo è la tipologia degli interventi che siamo chiamati ad effettuare che ci ingessa e che analizzeremo su altri dati”. Così il Sulpl Roma – il sindacato capitolino dei caschi bianchi – che ha riportato il lavoro della Polizia locale del 2019. All’interno dei dati, anche la divisione per gruppi: il I Trevi ne ha gestiti il 21% in più rispetto all’anno precedente.

“Esito dei nostri interventi:
inevaso 8909
negativo 56884
passato per competenza 11349
positivo 274395
revocato 73070
Siamo intervenuti in oltre l’80% dei casi.
Il 2% degli interventi rimasti inevasi, perché non avevamo personale da inviare in quanto impegnato per altre esigenze di servizio più gravi ed importanti, lo oseremmo definire quasi fisiologico ed incomprimibile.
L’amministrazione ora dovrebbe puntare sulla rapidità degli interventi per consentire di ridurre anche la percentuale di interventi negativi”.

“Rispetto al 2018 il I gruppo Prati è il Gruppo che in percentuale ha gestito più interventi rispetto all’anno precedente. Un lusinghiero +21%. Di contro il GSSU crollato più o meno della stessa percentuale a causa del tipo degli interventi chiamato ad effettuare. In calo anche il GPIT probabilmente a causa del passaggio delle competenze sulla Colombo verso il X Gruppo Mare”.

“In questo grafico (vedi sopra) analizziamo la tipologia degli interventi:
Soste irregolari 120323
Disposti da dirigenza e fluidificazione 96310
Ausilio Polizia Locale o altri enti 39647
incidenti senza feriti 33863
Controlli Polizia Stradale o manifestazioni 19643
Abusivismo commercio o pubblicità 17175
Danneggiamenti, malfunzionamenti o insidie su strada 14046
Incidenti con feriti o mortale 13366
tutela piazze o fontane o piantonamenti 11824
Olio o buche su strada 10554
Ambiente 9505
Schiamazzi, liti, disturbo quiete 7909
Veicolo abbandonato o rubato 7719
Alberi danneggiati o caduti 5404
Occupazione abusiva o controllo campi nomadi 4805
Animali 3841
Allagamenti 1907
Edilizia e edifici danneggiati 1830
Allarme edificio pubblico o in strada 1771
Incendi o fughe di gas 1527
persone in disagio o degrado 1512″

“Un terzo della attività della Polizia Locale a Roma è destinata al controllo delle soste. Immaginate se solo e soltanto il comune intervenisse con un serio progetto di modifica delle strutture viarie, anche attraverso l’utilizzo dei dissuasori di sosta o videosorveglianza delle aree chiuse al traffico, quante risorse potrebbero liberarsi per Roma per contrastare tutti i fenomeni di degrado urbano che ci circondano”.

“Le soste fanno coppia con i servizi disposti dai Dirigenti dei gruppi, in gran parte sono i “piantonamenti” dei semafori sugli itinerari di fluidificazione. La metà dei nostri interventi è questa: soste e piantonamenti. Per noi ciò è inaccettabile nel secolo scorso figuriamoci in questo. La Polizia Locale deve intervenire a 360° sul territorio e non restare ferma, immobile, anche ad aspettare interventi di altre strutture del comune. Potremo anche assumere altre 1000 unità, aumenteremo anche il numero degli interventi, ma nel 2021 saremo qui a commentare solo interventi di soste irregolari e servizi di fluidificazione agli incroci e girando lo sguardo ci accorgeremo che abbiamo ancora tante auto in malasosta ed un traffico che ci strozza. Tanto lavoro,ma inutile insomma”.

Commenta

Articoli correlati

POL2020, nel nome della sicurezza

“Emergenza Pandemia. Analisi, gestione, esperienze" è il tema di  “POL 2020 – VII  Meeting Nazionale della Polizia Locale” in programma i prossimi...

Mascherine, quale usare? Vademecum del Ministero

Il Ministero dell'Interno ha divulgato un  “Vademecum sull' utilizzo delle mascherine” predisposto da un’agenzia formativa accreditata della regione Piemonte da divulgare a...

Coronavirus, in Liguria volano i droni

Proseguono i controlli della polizia municipale di Diano Marina, che vigila sul rispetto del decreto del governo che impone la quarantena in...

Seguici

1,061FansLike

Ultimi Post

POL2020, nel nome della sicurezza

“Emergenza Pandemia. Analisi, gestione, esperienze" è il tema di  “POL 2020 – VII  Meeting Nazionale della Polizia Locale” in programma i prossimi...

Mascherine, quale usare? Vademecum del Ministero

Il Ministero dell'Interno ha divulgato un  “Vademecum sull' utilizzo delle mascherine” predisposto da un’agenzia formativa accreditata della regione Piemonte da divulgare a...

Coronavirus, in Liguria volano i droni

Proseguono i controlli della polizia municipale di Diano Marina, che vigila sul rispetto del decreto del governo che impone la quarantena in...

“Coronavirus, sicurezza dei vigili urbani a rischio”

FIRENZE - Nonostante siamo in piena emergenza Coronavirus “continuano a mancare i dispositivi di protezione individuale per la Polizia Municipale del Comune...

Videosorveglianza, le linee guida Ue

Annamaria Villafrate per Studio Cataldi affronta il tema della Videosorveglianza e nello specifico quali siano le linee guida dell'Unione Europea in merito...