Stalking ai danni di un carabiniere, agente condannato

0
206

BUSSOLENGO – Giancarlo Veneri, vigile urbano di Bussolengo, è stato condannato a due anni di pena per stalking e a 20mila euro di provvisionale per risarcire l’ex comandante dei carabinieri di Bussolengo Roberto Varriale e la moglie.

A darne notizia, il quotidiano on line L’Arena. Veneri riteneva responsabile dei suoi precedenti guai giudiziari il maresciallo Varriale, che svolse le indagini sul suo conto nel 2007 (il vigile urbano è stato processato per favoreggiamento della prostituzione, e condannato in primo grado ma nel 2017 è stato prosciolto per intervenuta prescrizione, ndr).

Due anni di pedinamenti, di appostamenti sotto casa e di passaggi frequenti nella via di residenza dei Varriale, spesso si trovava vicino alla scuola della figlia minore in attesa che il papà andasse a prenderla, deridendolo ogni volta che lo incontrava; mentre la moglie lo trovava nella scuola dove insegna o al supermercato. 
A farlo desistere nemmeno il richiamo del comandante della polizia locale di Bussolengo.