Agente di polizia locale assenteista, sospeso per tre mesi

Le indagini condotte dalla Guardia di Finanza hanno documentato ripetute condotte illecite di assenteismo dal servizio, per esigenze di carattere personale.

0
580

Il funzionario, appartenente al corpo di Polizia Locale del comune di Corigliano – Rossano, era solito allontanarsi dall’ufficio senza alcuna ragione lavorativa. Questo è quanto è emerso dalle indagini condotte dalle fiamme gialle del comando provinciale di Cosenza, durante i 30 giorni di osservazione e pedinamento, tra luglio e agosto 2020.

L’inchiesta diretta dal Pubblico Ministero, Flavio Serracchiani, con il coordinamento del Procuratore della Repubblica facente funzioni, Simona Manera, ha messo in risalto le continue condotte illecite di assenteismo dal servizio, perpetrate dal dipendente pubblico, il quale era solito allontanarsi dal luogo di lavoro per espletare esigenze di carattere strettamente personale, come recarsi al centro commerciale o per rientrare presso la propria abitazione nel corso dell’orario di lavoro. Dalle indagini è emerso che questa condotta era avallata dal silenzio e dalla complicità di alcuni agenti, i quali in più occasioni hanno timbrato il badge del superiore, seppure quest’ultimo non si trovasse all’interno dell’ufficio.

La Guardia di Finanza ha evidenziato numerosi e circostanziati episodi di assenteismo, di illegittimo ed ingiustificato allontanamento dal luogo di lavoro e di falsa attestazione della presenza in servizio, da parte del pubblico funzionario, per un totale di circa 30 ore di lavoro mai effettuate.

Per queste ragioni il GIP ha predisposto la misura interdittiva della sospensione dell’esercizio di un pubblico servizio, per la durata di 3 mesi, nei confronti del funzionario di polizia locale; mentre gli altri agenti coinvolti, risultano indagati a piede libero. Il principale imputato è accusato di truffa aggravata ai danni dello Stato e di fraudolenta attestazione della presenza in servizio, reato che comporta il licenziamento per giusta causa delle condotte assenteistiche.

Prosegue senza sosta l’attività della Guardia di Finanza e della Procura della Repubblica di Castrovillari a protezione della legalità nella Pubblica Amministrazione, al fine di garantire l’efficacia ed il buon andamento dell’azione amministrativa.